Sei ad un passo
dalla tua nuova casa

Prova la ricerca su mappa

Disegna l'area dove stai cercando casa.

I nostri immobili più visitati

Aggiorniamo tutti i giorni la lista delle nostre offerte più interessanti


BONUS RISTRUTTURAZIONI, AUMENTANO GLI INTERVENTI AMMESSI

Una recente circolare dell'Agenzia delle Entrate, contiene alcune importanti novità in tema bonus ristrutturazioni; andiamo a vedere, nel dettaglio, di cosa si tratta. Innanzitutto, aumentano gli interventi ammessi col bonus del 50%. Se su un'abitazione sono stati effettuati interventi di recupero edilizio, con la detrazione del 50% su spese fino a 96.000 euro, è possibile avere ulteriori agevolazioni su un'altra spesa di 96.000 euro per un intervento autonomo rispetto ai precedenti (cioè non di mera prosecuzione) e per considerare le due opere autonome, non è necessario che tra i diversi interventi trascorra un periodo di "tempo minimo".

Questo principio vale anche per le spese detraibili al 65% sui lavori per il risparmio energetico. Inoltre, le rate residuali della detrazione Irpef del 50% per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, iniziata da un contribuente, poi deceduto, non può essere trasferita agli eredi, in quanto non si applicanole norme che regolano il bonus sulle ristrutturazioni edilizie.

Per le spese di ristrutturazione sostenute dopo il 1° ottobre 2006, l'agevolazione spetta sino al limite di spesa di 48.000 euro(salgono a 96.000 per i pagamenti dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2015)per ogni unità immobiliare comprensiva di pertinenze. Questo limite non si applica agli interventi autonomi, ossia non di mera prosecuzione. Ma quando un intervento è considerato autonomo? Un intervento è considerato autonomo in base "agli elementi riscontrabili in via di fatto", oltre che all'espletamento degli adempimenti eventualmente necessari (denuncia di inizio attività, collaudo dell'opera, dichiarazione di fine lavori).

L'intervento deve essere anche autonomamente certificato dalla documentazione richiesta dalla normativa vigente. La norma non richiede che "debba trascorrere un periodo di tempo minimo tra i diversi interventi" per considerarli autonomi e conseguentemente per beneficiare per entrambi di un limite di 96.000 euro ciascuno. I due interventi autonomi potrebbero anche svolgersi contemporaneamente, non essendo necessario che per iniziare il secondo si debba prima finire il primo.

La circolare dell'Agenzia delle Entrate ha anche confermato la sua precedente interpretazione, la quale prevede che "per gli interventi autonomi effettuati nel medesimo anno deve essere rispettato il limite annuale di spesa ammissibile". Questo vuol dire che se per la stessa abitazione e nello stesso anno si proseguono interventi di manutenzione iniziati in anni precedenti e contemporaneamente si iniziano nuovi interventi, l'importo massimo annuale di spesa agevolata al 36% non può comunque superare la misura complessiva di 48.000 euro; secondo quanto disposto dalle Entrate, questo limite, oltre ad essere riferito allo stesso intervento (anche pluriennale) effettuato nella stessa abitazione (comprensiva di pertinenze) è anche un limite massimo "annuale" per singola abitazione.

Cosa succede, poi, in caso di decesso del contribuente che sta beneficiando della rateizzazione decennale della detrazione Irpef del 50% per l'acquisto, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2015, di mobili e grandi elettrodomestici (con limite massimo di spesa di 10.000 euro) per l'arredo dell'immobile oggetto d'interventi di ristrutturazione(pagati dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2015)? In tale situazione, il bonus, non utilizzato in tutto o in parte dallo stesso, non si trasferisce agli eredi per i rimanenti periodi d'imposta.

Questo perchè, anche se l'agevolazione per i mobili presuppone la fruizione della detrazione per gli interventi di recupero, si tratta comunque di un incentivo autonomo, con proprie norme sul limite di spesa e sulla ripartizione in dieci rate della detrazione stessa. Queste regole non prevedono il trasferimento della detrazione Irpef e non è possibile applicare la disposizione prevista per gli eredi per le ristrutturazioni edilizie.